La Dalian Wanda (Atletico Madrid e Infront) costretta a vendere 76 Hotel alla Sunac China

La Dalian Wanda di Wang Jianlin, uomo più ricco di Cina, si ritrova a dover smobilitare alcuni dei suoi asset con la vendita di ben 76 hotel al diretto concorrente al fine di ripianare i debiti contratti nel corso degli anni che sono finiti nel mirino delle autorità cinesi negli ultimi tempi.

Le acquisizioni all’estero da parte della Dalian Wanda sono state implacabili negli ultimi anni: in ambito calcistico la società di Wang Jianlin detiene il 20% delle quote dell’Atletico Madrid ed è azionista di maggioranza di Infront oltre ad essere uno dei quattro sponsor cinesi della Fifa. Il solo acquisto di Infront è costato oltre un miliardo a Wang Jianlin, ma nulla in confronto all’acquisto dello Studios cinematografico Legendary pictures per 3.5 miliardi di dollari.

Lo scorso mese, la Dalian Wanda, insieme alla Fosun, Anbang Group e HNA Group è finita nel mirino della China Banking Regulatory per quel che concerne la regolarità delle transazioni all’estero e i prestiti richiesti per completare le trattative che hanno raggiunto delle cifre preoccupanti, in quanto si attestano a 11 miliardi di dollari per le quattro società citate. A farne le spese è stato Wu Xiaohui, presidente di Anbang, arrestato dalle autorità cinesi lo scorso 14 giugno. Anbang  spazia dalle assicurazioni alle proprietà immobiliari e nel 2016 aveva acquistato per due miliardi di dollari la Waldorf Astoria di Manatthan. Dietro sembra celarsi una battaglia politica in vista del 19esimo Congresso del Partito comunista, previsto per l’autunno.

La Dalian Wanda venderà 76 hotel e il 91% delle quote nei parchi tematici alla Sunac China per 9.3 miliardi di dollari come annunciato nel sito della stessa Wanda. Nell’accordo è compreso anche la vendita di Harbin Wanda City, il resort con la più grande pista da sci al mondo aperto solo due settimane fa. Non un grandissimo periodo per il gruppo di Wang Jianlin, che a marzo ha dovuto abbandonare l’acquisizione della Dick Clark Production per un miliardo di dollari dopo che non è riuscito ad ottenere le autorizzazioni di rimborso dei fondi per l’acquisizione, incorrendo anche in una multa da 50 milioni di dollari per non essere riuscito a concludere la trattativa.

La Sunac China opera nel settore del property developers ed è il settimo in CIna. Il presidente Sun viene dalla provincia settentrionale dello Shanxi e recentemente ha rilevato il 25% della Jinkie Property per 6.3 miliardi di yuan, ed ha investito 15 miliardi di yuan per salvare l’amico Jia Yueting proprietario della LeEco, piattaforma internet che stava attraversando un forte momento di crisi, tanto che a inizio 2017 ha dovuto cedere i diritti tv per la trasmissione della Premier League e della Chinese Super League, dato che i costi non erano più sostenibili.

Il gruppo Wanda ha iniziato a scricchiolare, l’espansione è stata troppo rapida e probabilmente Wang Jianlin non ha consolidato il proprio impero. Per ora, uno degli uomini più influenti dell’economia calcistica non ha toccato i propri asset nel mondo sportivo, ma se fosse costretto a farlo, il contraccolpo per la Cina sarebbe molto grave dato che si andrebbe a perdere la centralità nel sistema

 

 

Precedente Stadium Diplomacy: il soft power cinese in azione, stadi in cambio di risorse e l'isolamento diplomatico di Taiwan Successivo China League Two-il punto dopo il 13° turno: inarrestabile lo Shaanxi Athletic, lo Sichuan aggancia in vetta lo Shenzhen