Road to Russia 2018: la Cina tenterà l’impresa a Teheran per sperare ancora nella qualificazione

L’ambiente cinese è esaltato per le vittoria della nazionale contro la Sud Corea nel match di qualificazione per Russia 2018. Dopo il baratro ora c’è un piccolo barlume di speranza, ma per alimentare la fiamma sarà necessario compiere un’impresa ancora più ardua, ovvero battere l’Iran a Teheran nella partita di domani.

La nazionale iraniana dopo la vittoria conseguita contro il Qatar è al primo posto nel girone con ben tre punt di vantaggio sulla seconda piazza occupata dalla Sud Corea. Gli uomini di Carlos Queiroz hanno dunque la possibilità in questo turno di aumentare il proprio vantaggio e proiettarsi verso una qualificazione sicura per il secondo mondiale consecutivo dopo quello in Brasile concluso ai gironi.

La Cina dopo la vittoria contro la Sud Corea si trova ora al penultimo posto in classifica, con 5 punti e quattro lunghezze dietro al terzo posto occupato dall’Uzbekistan che permette l’accesso alla fase a playoff. Con tutta probabilità, una miracolosa vittoria in Iran non permetterà agli uomini di Lippi di colmare ulteriormente il gap, dato che gli uzbeki, dopo il tonfo con la Siria, ospitano il Qatar, mentre la Sud Corea giocherà in casa contro la Siria. Sarà dunque fondamentale ottenere i tre punti per mantenere le distanze e tentare l’assalto nelle ultime tre giornate. In ogni caso, vi è una sola alternativa per sperare almeno nel terzo posto: vincere tutte le quattro rimanenti partite.

Lippi in conferenza stampa tiene alta la guardia: “Non dobbiamo compiacersi della precedente vittoria, dobbiamo puntare anora più in alto. Sappiamo che l’Iran è un avversario complicato e non abbiamo avuto troppo tempo per prepararci alla sfida ma daremo il tutto per tutto come sempre.”

All’andata, nella partita giocata a Shenyang, il confronto fra Cina e Iran terminò sul punteggio di 0-0, l’unico punto della gestione Gao Hongbo nel terzo turno di qualificazione. Un punto preziosissimo conquisato contro la prima squadra del ranking AFC, ma la storia è tutta dalla parte dell’Iran, che in casa in match ufficiali per le qualificazioni mondiali sa solamente vincere. L’ultima vittoria cinese risale in un’amichevole del 2009 conclusa sul punteggio di 1-0.

Lippi potrebbe riproporre il vincente 4-2-3-1, con Wu Lei in dubbio, dato che la star del Shanghai Sipg è stato sostituito alla fine del primo tempo. Alle sue spalle scalpita Cao Yunding dello Shenhua, apparso in forma smagliante nelle prime due giornate di campionato.

Nel girone B la situazione è ugualmente in bilico, e a rischiare è l’Australia, che attualmente occupa il terzo posto, e ospiterà gli Emirati Arabi Uniti che sono solo un punto dietro. Giappone e Arabia Saudita approfittando di un eventuale pari possono allungare ulteriormente visti i morbidi impegni contro Thailandia e Iraq

IL PROGRAMMA DI DOMANI

Gruppo A

Iran-Cina ore 14:00

Sud Corea-Siria ore 13:00

Uzbekistan-Qatar ore 15:00

Gruppo B

Australia-UAE ore 11:00

Giappone-Thailandia ore 12:35

Arabia Saudita-Iraq ore 19:30

I commenti sono chiusi.