Rassegna Stampa 5-3-2018: il ritorno di Wanda nel calcio di Dalian, l’inchiesta di Agenti Anonimi sul calcio asiatico

5 marzo 2018 – La rassegna stampa  dei principali articoli riguardanti la Cina, l’economia sportiva e tutte le novità che vi sono da sapere sul mondo della Chinese Super League e non solo

-Chinese Super League’s Capital Controls End Its Nascent Golden Era forbes.com

-China Sports Business Weekly | 2nd March mailmangroup

-TAXING DEBATES BLIGHT CHINESE FOOTBALL chinasportsinsider

-Who is the Chinese soccer consumer and why do Chinese watch soccer? cpianalysis

-Guosheng puts CEFC under state ward as crackdown intensifies on freewheeling private businesses southchinamorningpost

-China Presses Its Internet Censorship Efforts Across the Globe NyTimes

-Inchiest-AA, il calcio asiatico morente: la Cina, il calcio e la politica. Ecco la situazione negli altri Paesi AgentiAnonimi 

-Wanda returns home; new horizons for football in Dalian? wildeastfootball

Precedente Guai in vista per lo Slavia Praga: commissariata la China Cefc Energy Company Ltd Successivo ACL, East Zone (3a giornata): quattro volte Goulart! l'Evergrande vince in rimonta, il Quanjian di Paulo Sousa ne prende sei sul campo del Jeonbuk

2 thoughts on “Rassegna Stampa 5-3-2018: il ritorno di Wanda nel calcio di Dalian, l’inchiesta di Agenti Anonimi sul calcio asiatico

  1. Carlo Allia il said:

    Ciao! Volevo sapere la tua opinione riguardo l’articolo degli AgentiAnonimi! Ritengo eccessivi certi commenti sui campionati asiatici. Vero è che in Corea la presenza allo stadio è sempre stata molto bassa (vedere lo stadio di Seoul semi vuoto mi rende sempre triste) o che le squadre giapponesi hanno poco mordente in Champions, ma si parla di campionati che tuttora dimostrano di non essere da meno rispetto a quello cinese in termini di qualità (vedi la rumba presa da Paulo Sousa)

  2. Ciao! Volevo sapere la tua opinione riguardo l’articolo degli AgentiAnonimi! Ritengo eccessivi certi commenti sui campionati asiatici. Vero è che in Corea la presenza allo stadio è sempre stata molto bassa (vedere lo stadio di Seoul semi vuoto mi rende sempre triste) o che le squadre giapponesi hanno poco mordente in Champions, ma si parla di campionati che tuttora dimostrano di non essere da meno rispetto a quello cinese in termini di qualità (vedi la rumba presa da Paulo Sousa) con l’eccezione del Guangzhou Evergrande che per me è la squadra meglio gestita e più forte d’Asia

I commenti sono chiusi.