Il punto sulla K-League (14° turno): il Jeonbuk balza in testa, Seoul in crisi di risultati, esonerato l’allenatore della nazionale Stielike

La K-League, il massimo campionato coreano, è giunto al 14° turno e a guidare la classifica ora vi è il Jeonbuk, non più il Jeju United come l’ultima volta che abbiamo trattato questa competizione.

La situazione si è completamente capovolta, nel nono turno di K League il Jeju aveva piazzato una vittoria storica per 4-0 sul campo del Jeonbuk, ma da quel momento i fatti sono cambiati radicalmente. Il Jeonbuk è tornato a prendersi la vetta con 10 punti nelle ultime cinque gare concedendo un solo gol nel deludente pari interno contro l’Incheon ultimo in classifica. Nelle ultime due gare sono giunti due netti successi, il 2-0 casalingo contro il Suwon Bluewings e lo 0-3 sul campo del Jeonnam. Protagonista della cavalcata è l’attaccante Kim Shin Wook, capocannoniere del club con sei reti, spesso decisive.

Gli isolani del Jeju hanno perso terreno, e sono scivolati addirittura al quarto posto, alle spalle dell’Ulsan Hyundai e del sorprendente neopromosso Gangwon. Fatali per il Jeju sono state due sconfitte nelle ultime tre gare, l’ultima giornata proprio contro il Gangwon e al 12° turno sul campo del Pohang Steelers (quinto in classifica).

Continua il periodo altalenante del Seoul, attualmente sesto, è riuscito a vincere l’ultimo turno sorprendentemente in casa del Suwon Bluewings per 1-2, interrompendo così un brutto periodo di due punti in quattro gare di campionato a cui si aggiunge l’aggravante dell’eliminazione nella Coppa di Lega contro una compagine di seconda divisione ai calci di rigore.

La deludente spedizione in Champions e la crisi della Nazionale

Delle compagini coreane nessuna si è qualificata per i quarti di finale. Ulsan Hyundai, Suwon Bluewings e Seoul sono state malamente eliminate nella fase a gironi e a passare il turno è stato il solo Jeju, che nella sfida di andata aveva pure battuto per 2-0 i giapponesi dell’Urawa Red Diamonds, ma al ritorno le sorti si sono drasticamente invertite e l’Urawa ha prevalso per 3-0 dopo i tempi supplementari.

Non un gran periodo anche per la nazionale coreana, che nell’ultima partita di qualificazioni a Russia 2018 ha perso per 3-2 in Qatar e tale sconfitta ha rappresentato la goccia che ha fatto traboccare il vaso, inducendo la federazione a esonerare il tedesco Stielike. Molto probabilmente, la Corea del Sud si giocherà le proprie chance di qualificazione all’ultimo turno a settembre nello scontro diretto contro l’Uzbekistan.

Classifica K League

1. Jeonbuk 14 8 4 2 20:9 28
2. Ulsan Hyundai 14 7 4 3 14:16 25
3. Gangwon 14 7 3 4 22:19 24
4. Jeju 13 7 2 4 25:13 23
5. Pohang 14 7 1 6 22:19 22
6. Seoul 14 5 5 4 18:15 20
7. Suwon 14 5 5 4 18:17 20
8. Sangju Sangmu 14 4 4 6 15:22 16
9. Jeonnam 14 5 0 9 23:24 15
10. Daegu 14 3 4 7 17:22 13
11. Gwangju 13 2 6 5 9:17 12
12. Incheon 14 1 6 7 13:23 9

*Le prime sei squadre accedono alla seconda fase per l’accesso alla AFC Champions League e la lotta scudetto. Dal settimo al dodicesimo posto si continua a giocare per la salvezza. Nella seconda fase sono previste partite di sola andata

Precedente Le nazionali asiatiche alla Confederations Cup (prima parte): le origini del torneo in Arabia Saudita Successivo Le nazionali asiatiche alla Confederations Cup (seconda parte): Patrick Vieira spezza i sogni del Giappone