K League-il punto dopo la 9a giornata: il Jeju schianta il Jeonbuk nel big match, si avvicina il Seoul

La K-League, la massima divisione del campionato coreano è giunta alla nona giornata, con  Jeonbuk e Jeju che guidano la classifica con 17 punti in un campionato serrato.

L’ultima giornata giocata in infrasettimanale, ha visto proprio il big match fra Jeonbuk e Jeju, con quest’ultimi che hanno trionfato in trasferta con un netto 0-4 con firme degli stranieri Toscano (doppietta), Cruz e Mendy.

I vice campioni di Corea del Jeonbuk e detentori della AFC Champions League stanno vivendo una stagione particolare, data l’esclusione dalla massima competizione continentale per lo scandalo combine relativo alla stagione 2013 emerso solo lo scorso anno.  L’attuale percorso in campionato è fatto di alti e bassi, avendo anche battuto nello scontro diretto i campioni in carica del Seoul, attualmente terzi. Risultati che si alternano a disastrosi tonfi, come quello contro il Jeju e l’1-0 subito in casa del Gwanju nell’ottavo turno

Si è ripreso invece alla grande il Jeju United, che con il 4-0 inflitto al Jeonbuk riscatta la pesante sconfitta subita in casa nel penultimo turno contro il Suwon Bluewings, attualmente quarta forza del campionato.

Tante difficoltà e poca continuità per i campioni in carica del Seoul nonostante le reti di Damjanovic (capocannoniere con 5 centri insieme a Toscano del Jeju), dato che sono giunte solo due vittorie nelle ultime cinque gare oltre all’eliminazione dalla Champions League alla fase a gironi, venendo letteralmente surclassati dallo Shanghai Sipg e dall’Urawa Red Diamonds.

Fuori dalla competizione continentale anche l’Ulsan Hyundai (attualmente settimo in campionato), reduce da un girone disastroso che ha visto trionfare Kashima Antlers (Giappone) e la sorpresa thailandese Muanghtong United. Rimangono in gioco solamente Suwon Bluewings e Jeju United. I primi dovranno vedersela contro il Guangzhou Evergrande in trasferta, mentre il Jeju affronterà un impegno più soft contro i giapponesi del Gamba Osaka.

Il calcio coreano non sta  attraversando il suo miglior periodo, con l’esclusione del Jeonbuk dalle competizioni internazionali, il livello delle altre compagini non è certamente all’altezza delle aspettative. La crescita della K League ristagna da molti anni, con sole 12 squadre, un pubblico disinteressato (media spettatori 8750) e tanti problemi economici

1. Jeju 9 5 2 2 17:7 17
2. Jeonbuk 9 5 2 2 12:8 17
3. Seoul 9 4 3 2 10:6 15
4. Suwon 9 3 5 1 10:9 14
5. Sangju Sangmu 9 4 2 3 10:10 14
6. Ulsan Hyundai 9 4 2 3 9:14 14
7. Pohang 9 4 1 4 13:11 13
8. Gwangju 9 2 4 3 6:8 10
9. Jeonnam 9 3 0 6 14:15 9
10. Gangwon 9 2 3 4 11:13 9
11. Daegu 9 2 3 4 11:14 9
12. Incheon 9 1 3 5 8:16 6
Precedente CFA Cup, 3° turno: Sipg e Quanjian sul velluto, il Guoan domina il derby, esordio amaro per Manzano Successivo J League-il punto dopo la 9a giornata: l’Urawa fallisce la fuga, seguono Gamba Osaka e Kashima