J League, 17° turno: il neopromosso Cerezo Osaka in vetta, deludono Urawa e Tokyo


In Giappone si è concluso il girone d’andata della J League, con il neopromosso Cerezo Osaka che guida sorprendentemente la classifica, mentre arrancano le favorite Urawa Red Diamonds e Tokyo FC.

Chi l’avrebbe detto che alla fine del girone d’andata una neopromossa avrebbe guidato la classifica della J League? Il Cerezo Osaka ha guadagnato la testa della classifica proprio nell’ultimo turno battendo in casa il Tokyo per 3-1 in rimonta. Al gol di Utaka nel primo tempo rispondono i padroni di casa con Sugimoto, Matsuda e il brasiliano Souza. Il Cerezo Osaka allenato dal coreano Yoon Jong (44) balza in vetta grazie alla sconfitta del Khasiwa Reysol maturata in casa contro i campioni in carica del Kashima Antlers per 2-3 con Kanazaki e Nagaki che ribaltano il risultato e il brasiliano junior che chiude il lavoro.

Il Cerezo Osaka il 6 maggio aveva in perso in casa contro il Khasiwa Reysol, ma da quel momento gli uomini di Yong Jong sono stati inarrestabili con sei vittorie e un pareggio, maturate grazie alle reti di Sugimoto e Yamamori, entrambi a quota sette. Da quando esiste il professionismo il Cerezo Osaka non ha mai vinto un titolo, ha guadagnato solo due medaglie d’argento in Emperor Cup nel 2001 e nel 2003.

La lotta al titolo è ancora ben serrata, con cinque squadre in tre punti. Dietro al Cerezo, a quota 35, segue il Khasiwa a 34, mentre i campioni in carica del Khasima Antlers sono a 33, mentre a 32 vi sono Gamba Osaka e Yokhoama. 

Lontanissimi dalla lotta al titolo clamorosamente vi sono Urawa Red Diamonds e Tokyo, due delle squadre più quotate a inizio torneo. L’Urawa ha conquistato comunque i quarti di finale della AFC Champions League, ma nelle ultime quattro partite ne ha perse ben tre, mentre il Tokyo del nigeriano Utaka (capocannoniere della scorsa edizione) ha perso gli ultimi tre match.

Se da una parte il Cerezo Osaka sta vivendo un segno, il Sanfrecce Hiroshima, campione nel 2015, si trova al penultimo posto dopo aver smobilitato la squadra, con soli 10 punti conquistati e a meno cinque dal quindicesimo posto occupato dal Sapporo.

In linea con le aspettative il Sagan Tosu del nostro Ficcadenti, che si trova al decimo posto, in uno splendido momento di forma con nove punti conquistati nelle ultime cinque uscite (due vittorie e tre pareggi).

CLASSIFICA

1. C-Osaka 17 10 5 2 33:15 35
2. Kashiwa 17 11 1 5 26:17 34
3. Kashima 16 11 0 5 25:17 33
4. G-Osaka 16 9 5 2 31:15 32
5. Yokohama M. 17 10 2 5 22:14 32
6. Kawasaki 16 8 5 3 26:14 29
7. Iwata 17 8 4 5 24:15 28
8. Urawa 16 8 2 6 40:25 26
9. Tokyo 17 7 3 7 22:19 24
10. Sagan Tosu 17 6 6 5 19:19 24
11. Kobe 17 7 2 8 17:22 23
12. Vegalta Sendai 17 6 3 8 22:32 21
13. Shimizu 17 4 6 7 19:25 18
14. Kofu 17 3 7 7 10:18 16
15. Sapporo 17 4 3 10 14:26 15
16. Omiya Ardija 17 4 2 11 14:30 14
17. Hiroshima 17 2 4 11 15:30 10
18. Albirex Niigata 17 2 2 13 11:37 8

Le prime tre squadre squadre accedono alla AFC Champions League

Il quarto sport in Champions va alla vincente dell’Emperors Cup o alla quarta classificata

Retrocedono le ultime tre squadre

Lascia un commento

*