In memoria di Lei Jun, il padrino del punk cinese

Venerdì 13 maggio, l’ultima partita in casa del Beijing Guoan prima della pausa estiva che durerà due mesi per la Coppa del Mondo di Russia 2018. Le Imperial Guards di Roger Schmidt hanno pareggiato per 2-2 con il Guangzhou R&F (doppiette di Cedric Bakambu e di Eran Zahavi), ma la particolarità del match non è stata lo spettacolo in campo, ma quello sugli spalti con la commemorazione per i tre anni dalla morte di Lei Jun, il cantante del gruppo punk MiSanDao.

Come vi avevamo riportato nell’articolo scritto per l’Ultimo Uomo: ‘Viaggio nella cultura ultras cinese’, la tifoseria del Beijing Guoan è profondamente connessa con quello che è il movimento punk e SkinHead Sharp della capitale.

Il Punk in Cina

Il movimento Skinhead in Cina si è sviluppato alla fine degli anni ’90 e con esso anche la musica punk e la cultura ultras nelle curve, dato che negli anni ’70 la Repubblica Popolare era uno stata ermeticamente chiusa, nel bel mezzo della Rivoluzione Culturale maoista. La band maggiormente iconica è stata quella fondata da Ma Ke e il suo amico d’infanzia Lei Jun alla fine degli anni ’90. I due erano clienti abituali dello Scream, un vecchio punk club di Pechino che ha chiuso nei primi anni 2000. I due si sono addentrati nella cultura punk come potevano all’epoca, grazie ai pochi amici nel loro circolo con una connessione Internet, CD e cassette del mercato nero e bootleg.

Nel 1999, i due formarono la celebre band MiSandao, che prende il nome da una torta al miele popolare a Pechino. La band è stata la prima a identificarsi con il movimento skinhead nel punk: i cui membri si radono la testa e indossano stivali e bretelle per segnalare la loro lealtà alla classe lavoratrice e ai suoi valori e si sono sempre associati al movimento Sharp, avverso a qualsiasi forma di pregiudizio e razzismo

Il padrino del movimento Skinhead è stato Lei Jun, un personaggio di culto per la tifoseria del Beijing Guoan e la musica punk cinese. Come in Inghilterra, il movimento Skinhead pechinese e quello calcistico sono profondamente legati, tanto che Lei Jun e la sua band, MiSanDao, hanno scritto quello che è il coro della tifoseria del Beijing Guoan, cantato ogni weekend allo Stadio dei Lavoratori: “Vittoria finale”.

Misandao, e in particolar modo il frontman della band, Lei Jun, sono stati determinanti nella creazione della cultura punk in Cina attraverso l’istituzione del Beijing Punk Festival fondato nel 2003. Lei è morto per un attacco di cuore nel maggio 2015, alcuni mesi prima dell’apertura di quello che sarebbe stato il suo ristorante di noodles nel distretto centrale di Gulou.

Oggi il principale ritrovo della musica punk a Pechino è lo School Live Bar, nel distretto di Dongcheng, dove spesso sono gli stessi membri della Royal Army ad esibirsi sul palco con band da loro create come gli Early Bus o i Labour Glory.

punk3

In memoria di Lei Jun

La partita si era messa piuttosto male per il Beijing Guoan: dopo l’iniziale vantaggio firmato da Cedric Bakambu, il Guangzhou R&F era riuscito a mostrarsi più cinico ed aveva ribaltato il risultato con la doppietta del solito ed inimitabile Eran Zahavi.

Il secondo gol era giunto nel momento migliore delle Imperial Guards, ma come sono stato abituato a vedere in questi mesi, anche nelle più grandi difficoltà i tifosi cinesi supportano sempre la loro compagine e subito dopo essere passati in svantaggio, i vari gruppi ultras presenti allo stadio hanno iniziato a cantare sulle note di ‘Vittoria Finale’ dei MiSanDao, e fra pali, traverse e miracoli del portiere avversario, nel finale di partita è giunto il pareggio firmato da Cedric Bakambu.

Potrò rivedere il Beijing Guoan solamente a luglio, alla ripresa del campionato, ma il legame con i tifosi la musica punk rimarrà ben saldo nelle prossime settimane anche se saremo lontani dallo Stadio dei Lavoratori. Il prossimo grande evento punk si terrà il 16 giugno, e se siete dalle parti di Pechino, e volete conoscere un’altra faccia della Cina, vi consiglio di non mancare all’appuntamento.

L'immagine può contenere: 1 persona, testo

Precedente ACL, East Zone (ottavi\R): Pato e Paulo Sousa eliminano il Guangzhou, non basta la doppietta di Hulk, Shanghai Sipg fuori dalla Champions Successivo League One | gol e highlights 12° turno: torna alla vittoria il Meizhou Hakka con rete di Deblè, Xinjiang ancora senza successi