Dove eravamo rimasti: Guangzhou Evergrande-Jiangsu Suning, SuperCup preview

Si è ricominciato a giocare nell’East Asia da due settimane, con l’AFC Champions League che ha inaugurato la stagione 2017 e ha visto trionfare alla prima giornata le compagini cinesi. Sabato 25 allo Stadio Olimpico di Chongqing inizierà anche la stagione cinese, con la Supercoppa fra Guangzhou Evergrande e Jiangsu Suning.

Prima contro Seconda

Lo scorso anno il Guangzhou Evergrande ha messo a segno il triplete nazionale: Chinese Super League, Fa Cup e SuperCoppa. In tutte queste occasioni lo Jiangsu Suning si è guadagnato la medaglia d’argento. Da parte della squadra di nanchino vi è la volontà di ribaltare i confronti dello scorso anno e conquistare il primo titolo sotto la gestione della Suning Commerce Group.

Un anno fa il Guangzhou annichiliva lo Jiangsu in SuperCoppa con un netto 2-0 che portava la firma di Ricardo Goulart, autore di una doppietta. Stesso risultato nella partita d’andata di campionato, quando ancora non era giunto in panchina Choi Yong. Il vero confronto che ha dimostrato l’assottigliamento del gap è stata la doppia finale di Fa Cup, dove il Guangzhou ha trionfato per la differenza reti in trasferta (1-1 al Tianhe Stadium, 2-2 a Nanchino) e soprattutto grazie alla colossale papera di Gu Chao sul titolo di Huang Bowen. Non fosse stata per quella clamorosa svista, lo Jiangsu si sarebbe confermato campione della FA Cup, dato che nel 2015, sotto la proprietà Sainty, sconfisse lo Shanghai Shenhua nel Delta Yangtze Derby.

Suning: una condizione fisica precaria

Lo Jiangsu Suning ha debuttato in questo 2017 con la vittoria esterna in Champions sul campo del Jeju united (Sud Corea) grazie alla rete all’88’ di Ramires. Tre punti assolutamente immeritati per la compagine di Nanchino, che ha giocato una partita di sofferenza data una condizione fisica precaria, che addirittura ha convinto Choi Yong a sostituire la star Teixeira a fine primo tempo data la totale inefficienza di questi.

Dato che non è stato praticamente effettuato mercato, si deve ripartire dalle certezze dello scorso anno, con la solida retroguardia con Hong Ming e il giovane Ang Li e un centrocampo guidato dalla regia di Wu Xi e dagli inserimenti di Ramires e Xie Pengfei. Data la condizione non ottimale di Teixeira, il vero asso nella manica in attacco sarà Roger Martinez, colombiano di 23 anni, che a suon di gol ha trasformato lo Jiangsu Suning dal suo arrivo a luglio.

Come sta veramente il Guangzhou?

Gli uomini di Scolari hanno debuttato con un 7-0 rifilato all’Eastern, in una partita giocata in 11v9 per ben 55’, per cui è difficile esprimere giudizi, in particolar modo sulla tenuta difensiva.

Nella partita contro la compagine di Hong Kong, Scolari ha schierato Wang Shanyuang sulla destra con Zhang Linpeng che scala a centrale difensivo al fianco di Feng Xiaoting. Wang ha ripagato subito la fiducia del tecnico brasiliano con una doppietta. Due gol anche per l’altro classe 1993, ovvero l’esterno di centrocampo Liao Lisheng, in assoluto il miglior giovani in casa Guangzhou, che Scolari avrà il compito di valorizzare al meglio data la grande abilità e gli ampi margini di crescita. Wang Shanyuang e Liao Lisheng rappresentano un ottimo rincalzo per un gruppo di cinesi esperti che sta però invecchiando.

A parte le due novità, Scolari si affida alla potenza dirompente dei brasiliani e all’esperienza dei veterani cinesi, con Paulinho in mediana al fianco del 36enne Zheng Zhi, e Ricardo Goulart e Alan sulla trequarti a supporto dell’unica punta Gao Lin.

Una partita fondamentale per capire i progressi fatti dallo Jiangsu Suning, e per stabilire se la compagine di Nanchino quest’anno può rappresentare una vera candidata al titolo per spodestare il Guangzhou dal trono dinastico. Alla corsa alla Chinese Super League però bisogna tenere in considerazione anche lo Shanghai Sipg di Villas Boas. Sarà una stagione da seguire con molta attenzione, a partire da sabato 25 febbraio, ore 13:00 italiane, con la SuperCoppa a Chongqing

Precedente La nuova via cinese dell'entertainment: calcio e cinema Successivo Milan, la strada verso la Cina: Huarong smentesce le voci sul coinvolgimento nella cordata, tanti interrogativi a pochi giorni dal closing