Shandong Luneng: dal declino a possibile sorpresa

In testa alla classifica, a pieni punti, della Chinese Super League troviamo lo Shandong Luneng trascinato da Papiss Cissè, attaccante senegalese, arrivato alla corte di Felix Magath nel luglio 2016 e autore di 3 reti in altrettante partite disputate.

Dopo un campionato in cui hanno deluso, e non poco, le aspettative, rischiando una clamorosa retrocessione, gli Orange Fighters sembrano essersi ripresi alla grande con 3 vittorie su 3, 6 gol realizzati e uno solo subito. Un inizio campionato che fa ben sperare i tifosi caratterizzato da vittorie convincenti sul Tianjin per 2-0, sul Changchun yatai, sempre per 2-0 e, ciliegina sulla torta, quella, in rimonta per 2-1, contro i campioni in carica del Guangzhou Evergrande alla seconda giornata.

Partenza in quarta dopo una finestra di mercato nella quale la cui la dirigenza ha agito in maniera differente rispetto a quella precedente in cui c’erano stati grossi investimenti, cedendo vari nazionali cinesi quali Zhao Mingjiang, Wang Yongpo  e Yang Xu, e due tasselli stranieri, il brasiliano Jucilei e il fantasista argentino Montillo, autore di 10 gol nella scorsa stagione. Si è deciso di puntare dunque sul proprio settore giovanile il cui grande valore è  dimostrato dai risultati raggiunti dalle varie squadre giovanili. La squadra riserve nella quale militano gli U23 ha vinto ininterrottamente il campionato dal 2010 al 2015, dominio interrotto lo scorso anno dallo Shanghai Sipg.

L’ossatura cinese è composta dall’esperto Lin Dai, difensore centrale ventinovenne, Junmin Hao, centrale di centrocampo già allenato da Magath durante la sua esperienza tedesca allo Schalke, l’esterno difensivo ventisettenne Long Song e tanti giovani che si stanno mettendo in mostra provenienti dal settore giovanile degli Orange Fighters: Liu BinBin (ED, 24), Xinghan Wu (ED, 24), Songy Li (DC, 23) e Wei Cu (CC, 23).

A questi si aggiungono coloro che occupano le caselle di stranieri: Gil, gigante difensore brasiliano, in rosa già da Gennaio 2016 e che vanta all’attivo anche 10 partite con la nazionale maggiore; in attacco troviamo Diego Tardelli, brasiliano dalla grande velocità e tecnica individuale, i cui comportamenti hanno talvolta penalizzato la sua carriera vissuta tra Brasile ( dove ha vestito le maglie di San Paolo, Flamengo e Atletico Mineiro), Olanda (al PSV), Russia ( con la maglia dell’Anzhi, dove ha avuto difficoltà di adattamento) e Qatar ( all’Al-gharafa), prima di approdare, nel 2015, in Cina, dove alterna prestazioni altisonanti ad altre nelle quali è invisibile.

Cissè,attaccante senegalese, acquistato per 2,5 milioni di sterline dal Newcastle, mai affermato definitivamente in europa dove ha vestito le maglie di Metz, Cherbourg, Chateautoux, Friburgo e Newcastle. Esperienze condite da ben 126 gol. Pellè, il cui acquisto, dopo un europeo con cui ha attirato su di sé molte critiche, nell’estate del 2016 per 15 milioni,  fece molto discutere, a causa di uno stipendio ultramilionario. Dopo la prima stagione in cui ha timbrato il cartellino 5 volte in 13 partite, non è riuscito ancora a sbloccarsi in quest’inizio di campionato.

I risultati della stagione dipenderanno, soprattutto, dalle prestazioni del reparto offensivo che si presenta sulla carta uno dei più forti della lega,  e dalla crescita dei giovani già lanciati da Magath e di quelli che faranno il loro debutto. Se si vorrà porre fine al declino dell’ultima stagione, sarà necessario colmare le lacune mentali, vero punto debole degli Orange Fighters e causa principale dei risultati negativi nel 2016.

Riusciranno a continuare il cammino intrapreso e diventare la sorpresa del campionato? La prossima partita in casa dello Shangai Sipg di Villas Boas che punta forte alla vittoria finale, costituirà un ulteriore esame di maturità per i ragazzi di Magath e dirà quali potranno essere i reali obiettivi del club di Jinan. I tempi in cui lo Shandong Luneng veniva incoronato campione di Cina (l’ultimo titolo nel 2010) sono ben lontani, ma questo può essere l’anno della rinascita per poter competere per un posto in Champions

Precedente Dati e statistiche: un raffronto fra Cina e Europa Successivo Canton derby preview-Intervista ai Fuligans: la tifoseria straniera del Guangzhou R&F