CSL, 4° turno (anticipi): Wei Shihao, giovane rivelazione e gol vittoria per il Sipg, affonda il Suning, altro successo per il Guoan

Anticipi della quarta giornata della Chinese Super League: lo Shanghai Sipg si riscatta dopo la sconfitta sul campo del Guangzhou battendo per 2-1 lo Shandong Luneng di Pellè al termine di una partita estremamente combattuta e decisa dal giovanissimo Wei Shihao. Altri tre punti anche per il Beijing Guoan, mentre lo Jiangsu Suning affonda.

LE METAL EAGLES RIPRENDONO IL LORO VOLO CON HULK E WEI SHIHAO

Nel big match del weekend lo Shanghai Sipg prevale sulla capolista Shandong Luneng per 2-1grazie ai gol di Hulk e del subentrato Wei Shihao, esterno offensivo classe 1995 entrato proprio al posto del brasiliano, costretto ad abbandonare il campo per infortunio.

Villas Boas si affida al solito 4-3-3, rinunciando per la seconda volta ad Elkeson, in favore del centrocampista uzbeko Ahmedov. In attacco dunque il tridente con Hulk prima punta fiancheggiato da Wu Lei e Lu Wenjun. Ancora una volta l’U23 è il malcapitato Zhang H., per la quarta volta consecutiva sostituito dopo 15’, a testimonianza del fatto di quanto sia mal strutturata la nuova regola introdotta dalla federazione. 4-4-2 invece per lo Shandong Luneng di Felix Magath, che ripropone la solita coppia d’attacco con Pellè e Cissè.

Primo tempo che si chiude con il vantaggio dei padroni di casa di Shanghai, grazie alla rete al 10’ di Hulk. Un’azione magistrale, ce parte da un colpo di tacco di Oscar che va a smarcare Wu Lei in area, il quale serveHulk, che deve solo appoggiare in rete per la terza rete in campionato. Lo Shanghai Sipg sembra avere in pugno la partita anche se non riesce mai ad affondare, con lo Shandong che tiene botta in difesa grazie al brasiliano Gil e all’esperto Lin Dai.

Nella ripresa subito una doccia gelata per gli uomini di Villas Boas, con il capitano degli Orange Fighters, Hao Junmin, che trova l’imbucata vincente per Cissè. Controllo e tiro fulmineo al limite dell’area che sfugge dalle mani del portiere Yan. Felix Magath ora sa di poter vincere e aumenta la spinta sugli esterni con gli ingressi di Xinghan e Liu Binbin, due dei giovani migliori in questo inizio di stagione. Ora è lo Shandong a rendersi pericoloso, e lo Shanghai si aggrappa al proprio portiere che compie tre miracoli nel giro di due minuti, dapprima sul tiro di Cissè, che si vede negata per un soffio la doppietta, poi sui colpi di testa di Pellè e Gil.

Le cose vanno sempre peggio per il Sipg dato che Hulk è costretto ad abbandonare il terreno di gioco a seguito di un infortunio, al suo posto Wei Shihao, arrivato a Shanghai quest’anno dalla seconda divisione portoghese. E’ proprio il giovane esterno offensivo a risolvere la partita all’83’, con una bordata dal limite che si infila sotto l’incrocio dei pali. E’ il gol dell’ex, dato che Wei è uno dei tanti prodotti delle academy degli Orange Fighters di Jinan.

Una vittoria sofferta, che ha messo in mostra alcune lacune, soprattutto dal punto di vista difensivo per il Sipg, con l’unico a salvarsi che è l’esterno destro Fu Huan, autore di una grande partita soprattutto in fase di spinta. Pesa l’infrtunio di Hulk, ma Villas Boas ora sa di poter contare su Wei Shihao, soprattutto per lo slot obbligatorio degli U23, senza dover continuare con il ridicolo gioco di sostituire Zhang dopo 15’. Sempre molto propositivi e al centro del gioco Ahmedov e Oscar, anche se son il loro contemporaneo impiego, Cai Hukang è chiamato a fare gli straordinari in fase di copertura, mentre la star Wu Lei è ancora in ombra. Lo Shanghai Sipg tornerà in campo martedì in casa dell’Urawa Red Diamonds nella AFC Champions League.

Prima sconfitta per lo Shandong Luneng dopo tre vittorie consecutive. Gli Orange Fighters rimangono in testa al campionato con onore, consapevoli della propria forza, e degli ottimi giovani che si stanno mettendo in mostra, oltre all’eccellente centrocampista Hao Junmin e a un Cissè che giunge a 4 gol in tre partite disputate.

ANCORA BEIJING GUOAN! AFFONDA IL SUNING

Si sono disputati anche gli anticipi che hanno coinvolto Beijing Guoan e Jiangsu Suning, con la squadra di Nanchino che martedì è impegnata in Champions in casa contro il Gamba Osaka.

Le Imperial Guards di Pechino, reduci dalla vittoria nel derby di Cina contro lo Shanghai Shenhua, ottengono altri tre punti in casa battendo l’Henan Jianye, al termine di un match non troppo convincente, che evidenzia ancora la fatica della squadra di Gonzalez di andare a segno. Gli ospiti giocano tutto il secondo tempo con un uomo in meno a causa dell’espulsione per somma di ammonizioni del centrale difensivo Long Cheng, ma la rete delle vittoria arriva solo al 78’. A timbrare il cartellino non è stato Burak Yilmaz, fin qua autore di tutte le reti del Guoan, bensì il centrocampista Zhang Chiming. Grazie a questa vittoria i pechinesi balzano momentaneamente al quarto posto a 7 punti, mentre l’Henan rimane fermo a soli due punti e un solo gol segnato.

Un solo punto invece per lo Jiangsu Suning, che dopo quattro giornate forse può dire addio alle ambizioni di scudetto. La squadra di Nanchino ancora orfana dei suoi pilastri, Roger Martinez, Teixeira e Wu Xi, collassa in casa per 1-2 contro il Chongqing Lifan. Senza i punti di riferimento in attacco, lo Jiangsu non ha alcuna soluzione di gioco e raramente arriva nei pressi dell’area avversaria, dato che le punte Gao Di e Ji Xiang non sono minimamente efficaci. Il solo Ramires è un predicatore nel deserto e non può certamente colmare le lacune dell’intera squadra.
Il Congqing Lifan guadagna la prima vittoria in stagione con le reti di Xinli Peng e Fernandinho, mentre il Suning riesce ad accorciare le distanze solo all’89’ con Ji Xiang.
Ora per il riscatto si attende la partita di Champions martedì contro il Gamba Osaka, dove perlomeno sarà disponibile Teixeira.

TABELLINO ANTICIPI

SHANGHAI SIPG-SHANDONG LUNENG 2-1 (10’ HULK, 46’ CISSE, 83’ SHIHAO)

BEIJING GUOAN-HENAN JIANYE 1-0 (78’ CHIMING)

JIANGSU SUNING-CONGQING LIFAN 1-2 (51’ XINLI, 55’ FERNANDINHO, 89’ JI XIANG)

CLASSIFICA PROVVISORIA

1. Shanghai SIPG 4 3 0 1 11:5 9
2. Guangzhou R&F 3 3 0 0 4:0 9
3. Shandong Luneng 4 3 0 1 7:3 9
4. Beijing Guoan 4 2 1 1 5:4 7
5. Guangzhou 3 2 0 1 6:5 6
6. Liaoning 3 1 2 0 5:3 5
7. Hebei 3 1 2 0 2:1 5
8. Chongqing Lifan 4 1 2 1 3:4 5
9. Shanghai Shenhua 3 1 1 1 6:3 4
10. Tianjin Quanjian 3 1 1 1 2:3 4
11. Tianjin Teda 3 1 1 1 2:2 4
12. Guizhou Zhicheng 3 0 2 1 2:3 2
13. Henan Jianye 4 0 2 2 1:3 2
14. Yanbian 3 0 1 2 0:3 1
15. Jiangsu Suning 4 0 1 3 2:9 1
16. Changchun Yatai 3 0 0 3 1:8 0

Lascia un commento

*