Tianjin Quanjian: scelto Fabio Cannavaro per risolvere la crisi

Il Tianjin Quanjian ha scelto l’erede di Vanderlai Luxemburgo, il futuro si chiama Cannavaro,  l’ex Pallone d’Oro sembrava destinato ad un ruolo nella Nazionale azzurra, ma l’offerta recapitata era irrinunciabile.

Il Tianjin sta attraversando un momento di profonda crisi: dopo aver speso oltre 40 milioni di euro nella sessione di mercato invernale, il Quanjian si ritrova a metà classifica in China League One (la serie B cinese) a causa di gravissimi problemi interni. Come rilevato dalla stampa brasiliana, dopo un’ottima preparazione e un inizio di campionato inarrestabile, è giunto il declino a causa della scissione fra il gruppo dei brasiliani e quello cinese. La dirigenza del Quanjian nelle scorse settimane ha licenziato sei membri dello staff di Luxemburgo, che ritrovandosi contro anche il gruppo dei giocatori cinesi, ha potuto fare ben poco per raddrizzare un percorso estremamente deludente, dato che la vittoria manca addirittura da metà aprile.

La guerra interna al Tianjin Quanjian, Vanderlai Luxemburgo pronto a rescindere

LEGGI ANCHE: La guerra interna al Tianjin Quanjian, Vanderlai Luxemburgo pronto a rescindere

Cannavaro si ritroverà dunque di fronte a un ambiente difficilissimo alla sua seconda esperienza su una panchina cinese. L’ex difensore della nazionale italiana, dopo aver fatto parte dello staff di Marcello Lippi, a inizio 2015 è stato nominato allenatore del Guangzhou Evergrande. L’esperienza è durata solo qualche mese, con Cannavaro che non è stato esonerato sicuramente per i suoi risultati, in quanto le Tigri del Canton erano prime e avevano raggiunto i quarti di finale della AFC Champions League. Da quanto trapelato il rapporto con i giocatori non era dei migliori, inoltre la dirigenza del Guangzhou cercava un profilo di alto livello internazionale sulla panchina, optando dunque per l’ingaggio di Felipe Scolari.

A Tianjin Cannavaro troverà alcune vecchie conoscenze del calcio europeo come Felipe Scolari e Jadson, oltre al giovane talentuoso Geuvanio. La dirigenza è pronta a offrire un contratto biennale (le cifre non sono ancora state rileveate). L’obiettivo è quello di raggiungere la promozione, un secondo posto che al momento dista 10 punti.

 

Precedente Inter-Suning: il grande balzo in avanti della Cina Successivo 1978: la tournè cinese dell'Inter