Alibaba Single Day: consuma e spendi tutto, un giro d’affari da oltre 17 miliardi di dollari

Uno dei giorni da segnarsi sul calendario se vivete in Cina è l’undici novembre, conosciuto anche come il Single Day, nel quale il colosso dell’e-commerce Alibaba si prende il palcoscenico del paese. Poco importa la visita di Trump al presidente della Repubblica Popolare Xi Jinping, dato che oggi le attenzioni sono tutte quante rivolte a Jack Ma.

Jack Ma è il terzo uomo più ricco della Cina, grazie alla creazione del sito di e-commerce Alibaba, che da solo batte il volume d’affari di Amazon ed Ebay messi insieme. Jack Ma è anche proprietario del Guangzhou Evergrande al 40% ed investe anche nella creazione di eventi nel settore degli esports e nella rivoluzione dello shopping con la creazione di negozi in Realtà Virtuale (leggi qui).

Alibaba si è appropriata della celebrazione del Singles Day tramutandola in un festival dello shopping nel 2009, allo scopo di promuovere la sua allora nuova piattaforma B2C “Taobao Mall” (poi rinominata in, e tuttora nota come, “Tmall”) con sconti e offerte che hanno attratto centinaia di milioni di consumatori. Lo scorso anno il volume delle vendite l’undici novembre è schizzato alle stelle a 17 miliardi di dollari e gli analisti prevedono che in questo 2018 il volume degli affari supererà i 20 miliardi. Per intenderci, durante il Black Friday 2016 e il Cyber Monday 2016, le vendite giornaliere online furono rispettivamente a 3.3 e 3.5 miliardi di dollari

Global Shopping 2 Linkiesta

L’Alibaba Single Day nasconde però alcuni punti ombrosi come analizzato oggi dall’Linkiesta. 

A patire maggiormente durante la festività sono i marchi più piccoli, a causa dell’immenso sforzo economico per guadagnare visibilità durante il single day ed è dunque ragionevole pensare, scrive l’autore, che la maggioranza dei negozi opera in rosso, o al più in pareggio durante l’11.11. ‘Diventa banale rimarcare come questo abbia un impatto negativo per i marchi, che si trovano intrappolati in uno schema che da un lato li forza a partecipare all’evento, pena l’esclusione dalla lista dello shopping dei consumatori, e dall’altro crea crolli nelle vendite a prezzo pieno nei mesi antecedenti e successivi’

Gli stessi consumatori inoltre hanno manifestato un certo malcontento contro i venditori, accusati di alzare i prezzi dei prodotti i giorni antecedenti all’11.11, per poi applicare sconti che riportino il prezzo della merce a quello originale, applicando così sconti del tutto fasulli. Inoltre uno dei problemi più rilevanti è quello inerente alla logistica. in cina con i servizi di spedizione è abitudine ricevere la merce acquistata uno-due giorni dopo l’ordine, ma il volume degli affari durante il Single Day può ritardare la consegna fino a 10 giorni.

Certamente anche quest’oggi il Single Day infrangerà i record per volume d’affari, ma per quanti anni continuerà la crescita prima di un eventuale assestamento?

 

Precedente Rassegna Stampa (11/11): milan in attesa della risposta sul voluntary agreement, l'Inter apre un nuovo ufficio a Shanghai Successivo L'Under 20 cinese arriva in Germania: un progetto tecnico utile o una trovata diplomatica?