Al via la Chinese Super League 2017: la presentazione delle 16 squadre

Al via la stagione 2017 della Chinese Super League con la presentazione dettagliata di tutte e 16 le squadre. Un campionato che sta attraendo sempre più attenzioni vista la mole di giocatori stranieri che sono approdati. Quest’anno i nomi più eclatanti sono stati quelli di Oscar, Pato, Witsel, Tevez, che si aggiungono a quelli dello scorso anno, come Hulk, Lavezzi, Guarin, Teixeira, Ramires, Pellè e tanti altri ancora. Cresce a dismisura anche il numero delle compagini che ambiscono al titolo o ad un piazzamento in Champions League, e la domanda che ci si pone è la solita… questo è l’anno in cui cadrà la dinastia del Guangzhou Evergrande?

Cosa cambia rispetto allo scorso anno

Possono essere tesserati sempre cinque stranieri per squadra, ma rispetto alla stagione 2016, nella quale vigeva la regola del 4+1, ora solo tre stranieri possono essere schierati contemporaneamente. Inoltre, nella lista dei 25 giocatori iscritti, quattro di questi devono essere degli U23. Uno di questi deve essere obbligatoriamente in campo nello starting XI, mentre un secondo in panchina.

Geografia

La zona più ricca della Cina si trova ad est, e non è un caso che proprio sulle coste orientali vi siano la maggior parte delle squadre che partecipano alla Chinese Super League. Le uniche eccezioni centrali sono date dall’Henan Jianye proveniente dalla città di Zhengzhou, dal Chongqing Lifan, situato nella municipalità centrale della Cina, e dal Guizhou Renhe, compagine neopromossa localizzata nel sud ovest.

Chi Vincerà?

Il Guangzhou Evergrande è ancora la squadra da battere, ma la concorrenza si fa sempre più agguarrita, con Jiangsu Suning e Shanghai Sipg pronte a interrompere la dinastia.

GUANGZHOU EVERGRANDE

Il GUANGZHOU EVERGRANDE non ha operato in modo pesante sul mercato come lo scorso anno, l’unico rinforzo è il terzino sinistro Zhang Chenglin proveniente dal Beijing Renhe e il difensore coreano Hyung, prelevato dal Jeonbuk con un contratto di sei mesi, nei quali dovrà sostituire l’infortunato connazionale Kim Gwon. La compagine campione di Cina è rimasta grossomodo la stessa dello scorso anno: una difesa ferrea con i nazionali Feng Xiaoting e Zhang Linpeng, a centrocampo l’ex Tottenham Paulinho, giocatore fondamentale nell’economia del gioco del Guangzhou, e in attacco i brasiliani Alan e Goulart (quest’ultimo capocannoniere della scorsa stagione con 19 reti) a supporto di Gao Lin.
La gradevole novità di quest’anno, come visto in Champions League e nella SuperCoppa vinta, è l’impiego di due classe 1993 dal primo minuto: il terzino destro Wang Shanyuang e l’esterno Liao Lisheng. Ottimi giocatori che andranno a rappresentare il futuro delle Tigri del Canton.
Il Guangzhou ha iniziato la stagione nel migliore dei modi, con 4 punti nelle prime due giornate di Champions (fra cui un 7-0 rifilato all’Eastern di Hong Kong) e la vittoria in Supercoppa contro lo Jiangsu Suning grazie alla prodezza di Alan.

Allenatore/Modulo: Felipe Scolari (4-2-3-1)
Stranieri: Hyung Kim (Kor, Dc), Paulinho (Bra, CC), Alan (Bra, Es), Goulart (Bra, Trq), Jackson Martinez (Col, At)
Giocatori Cinesi (Top 5): Zeng Cheng (Pt), Zhang Linpeng (Td), Feng Xiaoting (Dc), Huang Bowen (Ed), Gao Lin (At)

Città/Provincia: Guangzhou/Guangdong
Fondazione: 1954
Palmares: 6 Chinese Super League (dal 2011 al 2016), 5 Jia-B/League One (1956, 1958, 1981, 2007, 2010), 2 FA Cup (2012, 2016), 3 SuperCup (2012, 2016, 2017), 2 AFC Champions League (2013, 2015)
Rivalità: Guangzhou R&F (derby cittadino)

SHANGHAI SIPG

L’avversario più accreditato per il titolo è lo SHANGHAI SIPG, che ha sostituito in panchina Eriksson con Villas Boas. Le Metal Eagles sono reduci da un secondo e da un terzo posto e si presentano con un 4-3-3 super offensivo, con Oscar a centrocampo, supportato da Cai Huikang (miglior centrocampista difensivo della scorsa stagione) e un tridente che promette di essere devastante con Hulk, Elkeson e Wu Lei. L’esterno offensivo cinese, dal 2013 va in doppia cifra e anche lo scorso anno è stato il capocannoniere fra i giocatori cinesi con 14 reti segnate. Lo Shanghai Sipg è una squadra che spende tanto (60 milioni per Oscar più 7 per Ahmedov), me è molto attenta allo sviluppo dei talenti, tanto che nella lista Champions, dei 25 iscritti, ben 18 provengono dalle academy delle Metal Eagles.
L’inizio di stagione è stato scoppiettante, con un netto 3-0 ai preliminari di Champions League contro lo Sukothai e le vittorie ai gironi in Corea contro il Seoul, e il recente 5-1 rifilato al WS Wanders.

Allenatore/Modulo: Villas Boas (4-3-3)
Stranieri: Carvalho (Por, Dc), Ahmedov (Uzb, CC), Oscar (Bra, CC), Hulk (Bra, Ed), Elkeson (Bra, At)
Giocatori Cinesi (Top 5): Yan Junling (Pt), Wang Shenchao (Ts), Ke Shi (Dc), Cai Huikang (CC), Wu Lei (Es)

Città/Provincia: Municipalità di Shanghai
Fondazione: 2005
Palmares: 1 China League Two (2007), 1 China League One (2012)
Rivalità: Shanghai Shenhua (derby cittadino), Jiangsu Suning (derby regionale)

JIANGSU SUNING

Ci si aspettava di più dal mercato dello JIANGSU SUNING. La squadra di Nanchino, nella quale militano Alex Teixeira e Ramires, è giunta seconda lo scorso anno, eppure ha praticato in entrata con soli giocatori cinesi, fra cui il centrale difensivo Boyu Yang dal Sipg e del diciottenne Tianyi Gao, reduce da una buona stagione in League One con lo Shenzhen. Zero spese rispetto agli oltre 100 milioni spesi lo scorso anno, in questa stagione il mercato dello Jiangsu è in attivo, grazie anche ai 10 milioni incassati per la cessione dell’ex capitano Hang Ren verso l’Hebei Fortune.
Il Suning ha trovato una propria identità solo con l’arrivo in panchina di Choi Yong la scorsa estate e gli innesti fondamentali di Jeong Hong in difesa e del devastante Roger Martinez in attacco. Altri elementi di forte spicco in una rosa che presenta molti giovani interessanti sono il difensore Ang li e l’esterno di centrocampo Xie Pengfei, oltre al capitano Wu Xi in cabina di regia.
Lo scorso anno lo Jiangsu ha perso le finali di Coppa (Fa Cup e SuperCup) ed è arrivato secondo in campionato. Il 2017 è iniziato seguendo il trend dello scorso anno, con la SuperCoppa persa per 1-0 conro il Guangzhou, ma in Champions le cose vanno più che bene, con due vittorie nelle prime due partite, seppur senza esprimere un buon gioco che ci si aspetta da una compagine che ambisce al titolo.

Allenatore/Modulo: Choi Yong (3-5-2)
Stranieri: Jeong Hong (Kor, Dc), Ramires (Bra, CC), Teixeira (Bra, At), Roger Martinez (Col, At)
Giocatori Cinesi (Top 5): Ang Li (DC), Wu Xi (CC), Xie Pengfei (Es), Zhang Xiaobin (CC), Jiawei Yang (Ed)

Città/Provincia: Nanchino/Jiangsu
Fondazione: 1958
Palmares: 2 China League One (1992-2008), 1 China League Two (1997), FA Cup (2015), SuperCup (2013)
Rivalità: Shanghai Shenhua (Delta Yangtze Derby), Shanghai Sipg (derby regionale)

Zona Champions League

Tanti nuovi campioni vanno a rafforzare le squadre cinesi, le quali hanno ambizioni di dominare nei prossimi anni. La concorrenza è spietata e vi è un nutrito numero di club che ambisce a partecipare alla manifestazione continentale o a puntare a qualcosa più in alto…

SHANGHAI SHENHUA

La stagione dello SHANGHAI SHENHUA è iniziata nel peggiore dei modi. Nonostante l’acquisto di Tevez i Blue Devils sono stati estromessi dalla Champions League per mano del Brisbane Roar. Nonostante tutto gli uomini di Poyet, dovessero ritrovare l’alchimia dello scorso anno, possono essere inarrestabili. Il grande punto di forza è l’attacco, con Tevez supportato dal capitano Giovanni Moreno, mentre sugli esterni i funamboli Cao Yunding e Mao Jiangqing il figliol prodigo di Shanghai. In mediana sarà fondamentale l’apporto di Guarin, mentre il punto debole può essere la difesa, con la speranza che esploda Li Xiaoming, classe 1996 che ha passato la scorsa stagione in prestito all’Henan, aggiudicandosi il titolo di miglior giovane del torneo.

Allenatore/Modulo: Gustavo Poyet (4-2-3-1)
Stranieri: Kim He (Kor, DC), Guarin (Col, CC), Moreno Col, Trq), Martins (Nig, At), Tevez (Arg, At)
Giocatori Cinesi (Top 5): Li Shuai (Pt), Li Xiaoming (Dc), Sun Shilin (CC), Cao Yunding (Ed), Mao Jiangqing (Es)

Città/Provincia: Municipalità di Shanghai
Fondazione: 1951
Palmares: 3 Campionati Nazionali (1961-1962-1995), 3 FA Cup (1956-1991-1998), SuperCup (1995-1998-2001)
Rivalità: Shanghai Sipg (Derby cittadino), Jiangsu Suning (Delta Yangtze Derby), Beijing Guoan (Chinese Derby)

HEBEI FORTUNE

Altra compagine molto agguerrita è l’HEBEI FORTUNE di Pellegrini, che per questa stagione ritroverà Lavezzi ed ha rafforzato il centrocampo con l’acquisto di Hernanes della Juventus. Dopo aver investito sui giovani lo scorso anno, per il 2017 la società di Qinhuangdao ha preferito puntare (sempre a suon di milioni) su profili più esperti come quelli di Hang Ren (ex capitano dello Jiangsu Suning), il centrocampista Hongbo proveniente dall’Henan Jianye e Zhang Chengdong, quest’ultimo il cinese più caro della storia, pagato ben 20 milioni di euro versati nelle casse del Beijing Guoan… un’operazione folle! Anche quest’anno l’Hebei è stata una delle squadre più attive sul mercato spendendo oltre 70 milioni di euro. Saranno sufficienti per raggiungere un trofeo (magari la Coppa) o un piazzamento in Champions?

Allenatore/Modulo: Manuel Pellegrini (4-2-3-1)
Stranieri: Mbia (Cam, DC), Hernanes (Bra, CC), Lavezzi (Arg, At), Aloisio (Bra, At), Kim Jung (Kor)
Giocatori Cinesi (Top 5): Hang Ren (Ts), Zhao Mingjiang (Td), Hongbo (CC), Zhang Chengdong (Es), Dong Xuesheng (At)

Città/Provincia: Qinhuangdao/Hebei
Fondazione: 2012
Palmares: Nulla
Rivalità: Nessuna

TIANJIN QUANJIAN

Per la lotta Champions c’è anche il TIANJIN QUANJIAN di Fabio Cannavaro. La squadra neopromossa è pronta subito a lottare per il titolo grazie a una nuova massiccia sessione di mercato per rafforzare una rosa già competitiva. Hanno fatto parlare i colpi di Witsel (Zenit Sanpietroburgo) e Alexandre Pato (Villareal), a cui si aggiunge il coreano Kyung Gwon dall’Al Ahli di Dubai.
La ricchissima proprietà del Quanjian Natural Group ha ambizioni di dominare il calcio asiatico nei prossimi anni, tutti parlano di un grandissimo progetto e per questo sono stati ingaggiati anche calciatori cinesi di primo piano, come il capitano del Liaoning, Shanping, nel ruolo di centrale difensivo e Wang Yongpo dallo Shandong Luneng, quest’ultimo, se in forma e non viene pregiudicato da infortuni, può siglare oltre 10 reti a stagione.

Allenatore/Modulo: Cannavaro (4-3-3)
Stranieri: Kyung Gwon (Kor, DC), Witsel (Bel, CC), Geuvanio (Bra, Es), Pato (Bra, At), Junior Soares (At, Bra)
Giocatori Cinesi (Top 5): Lu Zhang (Pt), Wang Shanping (Dc), Zhao Xuri (CC), Wang Yongpo (Trq), Sun Ke (Ed)

Città/Provincia: Municipalità di Tianjin
Fondazione: 2006
Palmares: 1 China League One (2016)
Rivalità: Tianjin Teda (derby cittadino)

GUANGZHOU R&F

I Blue Lions del GUANGZHOU R&F la seconda squadra del Canton sono stati l’autentica rivelazione dello scorso anno, concludendo la stagione al sesto posto, con il miglior gioco espresso, il 3-5-2 del serbo Dragon Stojkovic, che è svoltato dopo l’acquisto dell’israeliano Eran Zahavi in estate, protagonista di prestazioni assolutamente superlative. Una vera e propria mina vagante che può far male a chiunque e ha la concreta possibilità di tornare in Champions. Fra i grandi nomi che militano con la maglia dei Blue Lions vi è il nazionale terzino sinistro Jiang Zhipeng, il funambolico Renaitinho e il nuovo acquisto Urso Junior, centrocampista carioca con un passato allo Shandong Luneng.

Allenatore/Modulo: Dragon Stojkovic (4-2-3-1)
Stranieri: Hyung Soo (Kor, DC), Urso Junior (Bra, CC), Renaitinho (Bra, Esx), Eran Zahavi (Isr, Trq), Giannou (Aut, At)
Giocatori Cinesi (Top 5): Jihong Jiang (DC), Jiang Zhipeng (Ts), Miao Tang (Td) Chen Zhizhao (Es), Zhi Xiao (At)

Città/Provincia: Guangzhou/Guangdong
Fondazione: 1986 a Shenyang
Palmares: Nulla
Rivalità: Guangzhou Evergrande (derby cittadino)

BEIJING GUOAN

Le Imperial Guards del BEIJING GUOAN, a seguito dell’acquisizione da parte del gruppo immobiliare Sinobo Group, sono state valutate ben 760 milioni di euro, più del Milan, eppure la crescita del valore del club non corrisponde a quello della squadra, che si appresta a disputare una stagione molto ardua. E’ stato mantenuto il gruppo degli stranieri, non molto prolifico lo scorso anno, con l’uzbeko Krimets in difesa, Ralf e Renato Augusto a centrocampo e Yilmaz nel ruolo di punta, a cui si aggiunge il nuovo arrivato, l’esperto Roberto Soriano, proveniente dal RB Salisburgo.
La ricchissima cessione di Zhang Chengdong verso l’Hebei non ha portato a un mercato di alto profilo come ci si aspettava, con l’arrivo di un nome modesto come quello di Taiyan Jin sul fronte dei cinesi. Anche l’allenatore non è di alto profilo, dato che è stato ingaggiato lo spagnolo Josè Gonzalez, che due anni fa faceva parte dello staff di Manzano, quando questi allenava il Guoan. La vera speranza per poter sperare di tornare in Champions è Zhang Xizhe, trequartista cinese dalle enormi potenzialità, a cui si aggiunge anche il giovane centrale Tenglong, reduce da due stagioni giocate ad alti livelli.

Allenatore/Modulo: Josè Manuel Gonzalez (4-3-3)
Stranieri: Krimets (Uzb, Dc), Ralf (Bra, CC), Renato Augusto (Bra, Trq), Yilmaz (Tur, At), Soriano (Bra, At)
Giocatori Cinesi (Top 5): Yang Zhi (Pt), Lei Tenglong (DC), Piao Cheng (CC), Zhang Xizhe (Trq), Yu Dabao (At)

Città/Provincia: Municipalità di Pechino
Fondazione: 1951
Palmares: 6 Chinese Super League/Jia-A (1957, 1958, 1973, 1982, 1984, 2009) 4 FACup (1985, 1996, 1997, 2003), 2 SuperCup (1997, 2003)
Rivalità: Tianjin Teda (Jingjing derby), Shanghai Shenhua (Derby di Cina)

Possibili sorprese

Rispetto alla sezione soprastante non parliamo di squadre che hanno ambizioni di arrivare in Champions. Yanbian e Chongqing hanno fatto molto bene lo scorso anno, mentre Henan e Tianjin Teda si sono profondamente rinnovate.

YANBIAN FUNDE

Alla sua prima stagione in Chinese Super League, nel 2016 lo YANBIAN FUNDE è stata una grande sorpresa. La squadra della prefettura coreana, allenata da Park Ha Tae, è stata estremamente solida e ha trafitto gli avversari con contropiedi ben orchestrati. La filosofia dello Yanbian è quella di puntare sui giocatori cresciuti in casa, affidandosi anche a stranieri non di spicco. I nomi di maggior rilievo sono quelli di Steve Trawally, esterno offensivo del Gambia e il centrocampista Bit Garam. In questa sessione di mercato molto compassata, la rosa si è indebolita considerevolmente in difesa, con la ricchissima cessione di Cui Min, leader della retroguardia, verso Shenzhen (League One) per 10M. Nonostante non ci possa aspettare un piazzamento nelle parti alte della classifica, quella dello Yanbian è una realtà da tenere d’occhio, visto anche il gemellaggio con l’Atalanta.

Allenatore/Modulo: Park Ha Tae (4-4-2)
Stranieri: Guzmics (Dc, Ung), Petkovic (Dc, Ser), Trawally (Gam, Ed), Bit Garaam (Kor, Cc), Seung Dae (Kor, At)
Giocatori Cinesi (Top 5): Weny Chi (Pt), Yonchung Wu (Td), Haojie Li (cc), Zhongguo Chi (cc), Bo Jin (es)

Città/Provincia: Yanji, prefettura coreana di Yanbian/Jinan
Fondazione: 1955
Palmares:1 campionato nazionale (1965), China League One (2015), China League Two (1990)
Rivalità: Changchun Yatai (derby provinciale), Liaoning (derby del nordest)

TIANJIN TEDA

“Anche se abbiamo perso otto amichevoli nel pre season non vuol ire niente, a marzo partiremo tutti da zero”. Queste le parole i Pacheco, allenatore del TIANJIN TEDA, autore di un mercato che ha rivoluzionato la squadra, ma non ha portato assolutamente a risultati benevoli fino a questo momento. Tanti nuovi volti stranieri, fra cui Obi Mikel dal Chelsea, Gudelj dall’Ajax e soprattutto l’attaccante nigeriano Brown ideye, capocannoniere del campionato greco con l’Olympiacos. Fra le novità cinesi spiccano i nomi di Wang Dong, 36 anni, autore di 7 gol e altrettanti assist nella scorsa stagione a Chongqing, e i giovani Liyu Yang e Yuani Li, provenienti rispettivamente da Evergrande e Gondomar. Chi dovrà poerò fare il definitivo salto di qualità quest’anno sono gli esterni offensivi Hu Rentian e Jiakang Hui (entrambi nel giro della nazionale) per permettere al Teda di disputare una stagione tranquilla rispetto alle ultime due, nella quale la salvezza è giunta sempre all’ultimo respiro.

Allenatore/Modulo: Pacheco (4-2-3-1)
Stranieri: Seok Ho (Dc, Kor), Obi Mikel (cc, Nig), Gudelg (cc, Ser), Brown ideye (At, Nig), Evouna (At, Gab)
Giocatori Cinesi (Top 5): Bai Yufeng (Td), Hao Guo (cc), Wang Dong (cc), Hu Rentian (trq), Hai Jiakang (es)

Città/Provincia: Municipalità di Tianjin
Fondazione: 1951
Palmares: Jia-B League (1998), 2 FA Cup (1968, 2010)
Rivalità: Tianjin Quanjian (derby cittadino), Beijing Guoan (Jingjing derby)

CHONGQING LIFAN

Quella del CHONGQING LIFAN è una realtà in forte crescita, visto anche l’acquisizione da parte della Desports di Jiang Lizhang, proprietario anche del Granada e con progetti estremamente ambiziosi. Questa sessione di mercato è stata molto cauta, con l’arrivo di calciatori cinesi non di primo piano ed è stata caratterizzata dalle cessioni di Wang Dong verso il Teda e l’attaccante Emanuel Gigliotti che torna in Argentina. Il grande colpo arriverà a giugno, con l’approdo di Adrian Ramos, passando per il Granada. L’ex attaccante del Borussia Dortmund andrà ad affiancare in attacco la vera star di questa squadra, ovvero il brasiliano Fernandinho, funambolo di 23 anni in grado di tagliare in due le difese, a cui si aggiunge il connazionale Kardec, giunto nella municipalità di Chongqing lo scorso anno, ha avuto un ottimo impatto nell’economia della squadra. Con un gruppo ben consolidato e consapevole dei propri mezzi, è possibile riconfermare l’ottavo posto della scorsa stagione.

Allenatore/Modulo: Woe Ryong (4-2-3-1)
Stranieri: Woo Yung (Cc, Kor), Goran Milovic (Dc, Cro), Fernandinho (At, Bra), Kardec (Ed, Bra), Hyuri (At, Bra)
Giocatori Cinesi (Top 5): Xiaofei Deng (pt), Yu Liu (Ts), Jie Ding (Td), Yang Xu (cc), Xinli Peng (Trq)

Città/Provincia: Municipalità di Chongqing
Fondazione: 1995 a Wuhan
Palmares: 2 Jia-B/China League One (1996, 2014), 1FA Cup (2000)
Rivalità: Nessuna

HENAN JIANYE

Altra compagine che si è estremamente mutata è l’HENAN JIANYE, che lo scorso anno ha mostrato di essere Eddi Gomes dipendente. Prima dell’infortunio del difensore la compagine di Zhengzhou lottava per un posto in Champions, per poi concludere il campionato nei bassifondi. Ora Eddi è tornato in rosa, ma se ne sono andati due pilastri del centrocampo come Hongbo (direzione Hebei) e Ivo da Rosa (sceso di categoria al Beijing Renhe), a cui si aggiunge il ritorno di Li Xiaoming allo Shenhua.
I rinforzi sono giunti negli ultimi giorni di mercato, con il trequartista Dockal proveniente dallo Sparta Praga e la promessa Gang Feng dall’Hangzhou a riscrivere il centrocampo, mentre in attacco il colpo che ha fatto discutere è quello di Bassogog, proveniente ai danesi dell’Aalborg. Il camerunense è stato l’MVP dell’ultima Coppa d’Africa vinta con i Leoni indomabili. Farà coppia con Patino, leader offensivo di Zhengzhou. Un gruppo completamente nuovo, che può stupire e riprendere l’ottimo percorso interrotto a metà della scorsa stagione.

Allenatore/Modulo: Xiuquan Jia (3-4-1-2)
Stranieri: Ahmad (Dc, Syr), Eddi Gomes (Ed, Dan), Dockal (Trq, Cze), Bassogog (At, Cameroon), Patino (At, Phl)
Giocatori Cinesi (Top 5): Yan Wu (Pt), Zhao Ke (Ts), Yao Lu (dc), Gang Feng (cc), Zhouyu Feng (cc)

Città/Provincia: Zhengzhou/Henan
Fondazione: 1958
Palmares: 3 Jia-B/League One (1989, 2006, 2013), 2 Yi League/League Two (1982, 1999)
Rivalità: Nessuna

Lotta salvezza

Lo Shandong Luneng, nobile decaduta del calcio cinese, così come il Liaoning, lo Changchun di Ighalo e il neopromosso Guizhou Zhicheng… queste le squadre maggiormente accreditate a scendere in League One.

SHANDONG LUNENG

Lo scorso anno lo SHANDONG LUNENG ha clamorosamente rischiato la retrocessione e anche quest’anno il rischio è quello di disputare un’altra stagione fallimentare. L’ossatura della squadra è stata smantellata con le importantissime cessioni sul fronte cinese di Wang Yongpo, Zhao Mingjiang e Yang Xu, tutti quanti nazionali, mentre per gli stranieri, gli addii ancora più clamorosi sono quelli del fantasista argentino Walter Montillo e del centrocampista Jucilei. La direzione di Felix Magath e i gol di Pellè avranno il difficile compito di riscrivere le speranze degli Orange Fighters.

Allenatore/Modulo: Felix Magath (3-5-2)
Stranieri: Gil (Dc, Bra), Tardelli (At, Bra), Pellè (At, Ita), Cissè (At, Sen)
Giocatori Cinesi (Top 5): Dalei Wang (Pt), Li Dan (Dc), Long Song (ts) Liu Binbin (ed), Hao Junmin (cc)

Città/Provincia: Jinan/Shandong
Fondazione: 1956
Palmares: 4 Chinese Super League/Jia A League (1999, 2006, 2008, 2010), 5 FA Cup (1995, 1999, 2004, 2006, 2014), 2 SuperCup (2004, 2015)
Rivalità: Nessuna

CHANGCHUN YATAI

Il titolo del 2007 è lontanissimo, ma lo CHANGCHUN YATAI ha fatto parlare di se per il mercato effettuato, in particolar modo con l’approdo di Ighalo, pagato ben 24 milioni di euro al Watford. Sarà però necessario per non ripetere una stagione sofferta come quella dello scorso anno? In uscita due giocatori di grande esperienza nel campionato cinese come Darko Matic (ex Teda e Guoan) e il bomber della nazionale boliviana Marcel Moreno che raggiunge Ferrara al Wuhan Zall. Dentro altri due stranieri, ovvero Marinho proveniente dal Vitoria e Husticz dal Eintracht Frankfurt. Nonostante la guida dell’esperto Lee Jang Soo (ex Guangzhou Evergrande), anche quest’anno la squadra di Changchun non potrà andare oltre la lotta salvezza.

Allenatore/Modulo: Jang Soo Lee (4-4-2/3-5-2)
Stranieri: Ismailov (Uzb, Dc), Hustzi (Ung, cc), Marinho (Bra, Ed), Bruno Meneghel (Bra, At), Ighalo (Nig, At)
Giocatori Cinesi (Top 5): Yake Wu (Pt), Jie Sun (Dc), Zhe Jiang (Td), Xiaoding Fan (Ts), Shuai Pei (cc)

Città/Provincia: Changchun/Jilin
Fondazione: 1996
Palmares: 1 Chinese Super League (2007), 1 Jia-B (2003)
Rivalità: Yanbian Funde (derby provinciale), Liaoning (derby del nordest)

LIAONING

9 scudetti e la prima Champions League vinta da una squadra asiatica, questa era la realtà del LIAONING, una squadra in caduta libera dal punto di vista del rendimento. La squadra di Shenyang si è estremamente indebolita rispetto allo scorso anno concluso all’11mo posto, con le cessioni (ricche) del capitano Shanping (Tianjin Quanjian), il centrocampista Sun Shilin (Shanghai Shenhua) e l’esterno di centrocampo Taiyun (Beijing Guoan). Il colpo di maggior rilievo è l’australiano Robbie Kruse, che nell’ultima stagione a Leverkusen non ha mai giocato. Le speranze di salvezza sono tutte riposte nella magnifica coppia d’attacco composta dal veterano Chamanga (36 anni, 14 gol nell’ultima stagione), ed Anthony Ujah, ex Koln FC. A questi si aggiunge il ritorno di Yang Xu, dopo tanti anni trascorsi allo Shandong Luneng, nei quali, nonestante il potenziale, non è mai esploso. La vera domanda è se ai due colossi davanti arriveranno palloni giocabili o dovranno fare tutto da se.

Allenatore/Modulo: Lin Ma (4-4-2)
Stranieri: Lukimya (Dc, Con), James Holland (CC, Aut), Kruse (Ed, Aut), Chamanga (At, Zam), Ujah (At, Nig)
Giocatori Cinesi (Top 5): Zheng Lang (Dc), Shankun Liu (Td),  Yakiung Hu (cc), Yang Xu (At), Ye Zhang (Es)

Città/Provincia: Shenyang/Liaoning
Fondazione: 1953
Palmares: 9 Chinese Super League/Jia-A (1954, 1978, 1985, 1987, 1988, 1990, 1991, 1992, 1993), 1 China League One (2009), 2 FA Cup (1984, 1986) 1 SuperCup (2000), 1 Coppa dei Campioni d’Asia (1990)
Rivalità: Changchun Yatai e Yanbian Funde (derby del nordest)

GUIZHOU ZHICHENG

La neopromossa GUIZHOU ZHICHENG ha stravolto completamente l’assetto degli stranieri. Con gli addii di Mazola, Iban Cuadrado e Ekwalla giungono Chery dal QPR, Jelavic dal Beijing Renhe, Olunga dal campionato svedese, l’egiziano Ali Ghazal dal Nacional (Portogallo) e infine Ryan Mcgowan dall’Henan. Tanti volti nuovi anche fra i cinesi, con molteplici prestiti, con quasi tutti che si sono aggregati alla squadra nelle ultime due settimane di mercato. Rispetto alla che ha guadagnato una sorprendente promozione la scorsa annata, questa che si appresta ad affrontare la sua prima CSL è completamente differente.

Allenatore/Modulo: Li Bing (4-4-2)
Stranieri: Mcgowan (Dc, Aut), Ghazal (CC, Egy), Chery (CC, Ola), Jelavic (At, Cro), Olunga (At, Ken)
Giocatori Cinesi (Top 5): Longchang Lin (DC), Liang Jiang (Td), Jun Wang (CC), Feiya Chang (CC), Ilhmajan (At)

Città/Provincia: Guiyang/Guizhou
Fondazione: 1992
Palmares:1 China League Two (2012)
Rivalità: nessuna

 

Precedente Stop ai notiziari: la pagliacciata targata Fininvest e Sino Europe Sports Successivo Suning Group si prende tutto: acquistati i diritti in esclusiva della Chinese Super League tramite PPTV