ACL, East Zone: beffa Guangzhou al 95′, ancora imbattuti i thailandesi del Muanghtong

Terza giornata della AFC Champions League, East Zone, nel girone G il Guangzhou Evergrande dopo la sconfitta in campionato contro lo Shandong Luneng trova un deludente pari interno contro i giapponesi del Kawasaki Frontale maturato al 95’. Nel girone E invece continuano a stupire i thailandesi del Muanghtong United, ancora imbattuti dopo tre partite.

GRUPPO G: Un altro passo falso per il Guangzhou

Non è un brillante periodo di forma per le Tigri del Canton, che dopo il pari in Corea contro il Suwon trovano un altro pareggio contro il Kawasaki Frontale per 1-1 con i giapponesi che riequilibrano il punteggio di rigore al 95’ nel primo dei tre confronti sino giapponesi che offre questa settimana di Champions.
Per l’occasione la banda di Scolari è stata ampiamente rimaneggiata, con i soli tre tre stranieri, i brasiliani Alan, Goulart e Paulinho presenti in campo, ma questa volta i classe 1993 Wang Shanyuang e Liao Lisheng vanno in panchina e fa il debutto stagionale il centrale Feng Mei, mentre Zheng Long,viene arretrato nell’inedita posizione di terzino sinistro.

L’iniziativa del gioco viene lasciata in mano al Kawasaki Frontale, che si cimenta in un possesso palla sterile mentre il Guangzhou colpisce con furibondi contropiedi, ed è così che nasce la rete del vantaggio di Alan (quarto centro stagionale), con Goulart che dalla sinistra fa partire un cross basso per l’ex Salisburgo RB, che trafigge il portiere nipponico.
L’uomo che però decide la partita in negativo è Yu Hanchao. L’esterno offensivo cinese nel primo tempo centra la traversa da due passi, ma l’episodio che compromette la vittoria è il banalissimo fallo di mano in area all’ultima azione che permette al Kawasaki di acciuffare un vitale pareggio con il penalty trasformato da Kobayashi.

Nell’altra partita del girone il Suwon, dopo l’entusiasmate pareggio in casa per 2-2 con il Guangzhou, trova una vittoria esterna sul campo dell’Eastern di Hong Kong di Chan Yuen Ting. Dopo una partita dominata per larghi tratti (77% di possesso palla), i coreani acciuffano un risicato 1-0 grazie alla rete al 78’ del brasiliano Jonathan che proietta il Suwon in testa al girone insieme al Guangzhou.

GRUPPO E: un sorprendente Muanghtong ancora imbattuto

Nel girone E, quello senza squadre cinesi della East Zone, continua a stupire tutti la squadra thailandese del Muanghtong United, che dopo aver pareggiato sul campo del Brisbane ed aver battuto i vicecampioni del mondo del Kashima Antlers, continua la sua imbattibilità sul campo dei coreani dell’Ulsan Hyindai, reduci da un fantastico 6-0 ai danni del Brisbane.

Proprio gli australiani continuano la propria serie estremamente negativa di risultati venendo surclassati per 3-0 dal Kashima. Non è assolutamente stagione questa per le squadre australiane in Champions, che dopo sette partite non hanno ancora conseguito una vittoria.

RISULTATI

Gruppo E

KASHIMA ANTLERS-BRISBANE ROAR 3-0 (43’ Suzuki, 76’ Young (OG), 79’ Endo)

ULSAN HYUNDAI-MUANGHTONG UNITED 0-0

Classifica: Kashima (jpn) 6, Muanghtong (tha) 5, Ulsan (kor) 4, Brisbane (aut) 1

Gruppo G

GUANGZHOU EVERGRANDE-KAWASAKI FRONTALE 1-1 (26’ Alan, 95’ Kobayashi (PK))

EASTERN-SUWON BLUEWINGS 0-1 (76’ Jonathan)

Classifica: Guangzhou (chn) 5, Suwon (kor) 5, Kawasaki (jap) 3, Eastern (hk) 1

LE ALTRE PARTITE (mercoledì 15 marzo)

Gruppo F

SHANGHAI SIPG-URAWA

SEOUL-WS WANDERS

Gruppo H

GAMBA OSAKA-JIANGSU SUNING

ADELAIDE-JEJU

Precedente Chinese Super League: gol e highlights della seconda giornata Successivo Milan-Inter alle 12:30: finalmente un passo in avanti per il mercato cinese