Il volo delle Blue Hawks: la città di Dalian sogna il grande ritorno in Super League

30 novembre del 2012, una data tragica per il calcio cinese, che ha segnato la fine del Dalian Shide FC, il club più titolato di Cina con otto titoli nazionali vinti dal 1994 al 2005. Quel giorno il Dalian Shide FC fu acquistato dal gruppo immobiliare Aerbin, proprietario del secondo club della città, il Dalian Aerbin FC fondato solo il 20 settembre del 2009. I debiti dello Shide erano schizzati alle stelle, a 330 milioni di rmb e il presidente Xu Min gera stato incarcerato per corruzione.

Risultati immagini per dalian yifang

Quell’episodio siglò la fine definitiva delle dinastie calcistiche del nord est, caratterizzate dal dominio del Liaoning fra gli anni ’80 e ’90 e successivamente del Dalian Shide, che fino al 2000 era di proprietà del gruppo Wanda di Wang Jianlin, oggi uomo più ricco di Cina e azionista di minoranza dell’Atletico Madrid al 20%. I tifosi del Dalian Shide si ritrovarono senza più squadra, con l’unica alternativa di passare a vestire i colori del nuovo Dalian Aerbin, che stava scalando le gerarchie del calcio cinese molto velocemente.

Immagine correlata

La scalata ai vertici del calcio cinese fu rapidissima per la nuova realtà di Dalian, che vinse il campionato di League Two nel 2010 e quello di League One l’anno successivo, per poi concludere le annate di Super League 2012 e 2013 al quinto posto, a una sola piazza dalla qualificazione in AFC Champions League. Nella stagione 2014, una drastica retrocessione, a guidare la squadra era Ma Lin (oggi al Liaoning), che diede le dimissioni a metà stagione. Al suo posto fu chiamato il giapponese Kurata, che però non riuscì a salvare il Dalian Shide per un solo punto.

La città di Dalian usciva così dal calcio cinese di prima fascia, retrocedendo nel purgatorio della League One, dal quale non è ancora riuscito a risalire. Nel 2015, dopo il terzo posto conquistato in campionato e la mancata promozione, il gruppo Shide vende la squadra all’Yifang Group, che cambia nome del club in Dalian Yifang, e logo.

Risultati immagini per dalian yifang

Dopo l’anonimo sesto posto della scorsa stagione, il Dalian Yifang quest’anno è ben lanciato verso la vittoria del campionato, con ben sette punti di vantaggio sul terzo posto occupato dallo Shenzhen e una partita in meno. Le Blue Hawk di Dalian hanno letteralmente dominato il girone d’andata grazie alla guida dell’ex Real Madrid Juan Ramon Lopez Cairo e alle reti di Nyasha Mushewki (Zimbawe), giunto a nove centri, occupa la seconda posizione nella classifica marcatori alle spalle del giovane talento colombiano dello Shenzhen, Harold Preciado. Gli altri nomi stranieri che militano nel Dalian Yifang sono quelli del difensore argentino Jonathan Ferrari e dell’attaccante ivoriano Yannick Boli (ex PSG).

Le Blue Hawks stanno legittimando la propria superiorità grazie al secondo miglior attacco del campionato a parimerito con quello dello Shanghai Shenxin e la seconda miglior difesa dopo quella del Beijing Renhe. Questo sembra essere veramente l’anno buono per il ritorno di Dalian nella Chinese Super League, una terra che ha dato i genitali a molti calciatori nel giro della nazionale. Dalla sua fondazione avvenuta nel 2009, le Blue Hawks hanno formato Dong Xuesheng (Hebei Fortune), Yu Hanchao (Gz. Evergrande) e Yu Dabao (Beijing Guoan).

Inoltre, chissà se il ritorno di una compagine di Dalian in Super League, possa indurre Wang Jianlin a tornare nuovamente in campo, al timone del club della sua città dopo 17 anni dall’ultima esperienza.

Precedente Shanghai Sipg: AVB, Wu Lei e Hulk squalificati due giornate dopo aver supportato la protesta per Oscar Successivo Diritti TV: la Ti'ao Power vuole rinegoziare i termini dell'accordo dopo le nuove restrizioni sugli stranieri imposte dalla federazione