A-League: decretate le sei squadre dei play off, il Sidney ha dominato la regoular season

In Australia manca ancora una giornata alla fine della regoular season di calcio, ma si conoscono già le sei finaliste che si contenderanno il titolo di campione nazionale della A-League 2016/2017.

A vincere a mani basse la regoular season è stato il Sidney, con 63 punti e una sola sconfitta in 26 giornate. Merito di un grande collettivo costruito da Arnold Grahman, che ha permesso a molti giocatori di andare a segno e mettersi in mostra: capocannoniere del club è stato Davison Bobo con 15 reti, ma hanno segnato tanto anche Alex Bosque (10), Milos Ninkovic (8) e Holosko (7). A ben 17 punti di distacco si classifica il Melborune Victory al secondo posto. Entrambe le compagini inizieranno la fase playoff alle semifinali, ma soprattutto sono automaticamente qualificate all’edizione 2018 della AFC Champions League.

Le altre quattro compagini ad avanzare alla fase ai playoff (quarti di finale), sono il Melbourne City di Tim Cahill, il Brisbane Roar, la stessa squadra che ai preliminari di Champions ha eliminato lo Shanghai Shenhua di Tevez, il Perth Glory e i vicecampioni australiani del Western Sidney Wanders. Fra queste Melborune City, Brisbane e WSW non hanno mai vinto l’A-League.

La grande delusione quest’anno è stata rappresentata dai campioni in carica dell’A-League, l’Adelaide United ultimo con 22 punti dopo aver smantellato l’intera squadra e sole cinque vittorie conquistate. Stessi numeri per il Newcastle Jets, la squadra cinese di Australia, nella quale milita anche il centrocampista offensivo Ma Leilei; dopo una buona prima parte di campionato il collasso totale: cinque sconfitte consecutive e ultima vittoria che risale alla diciassettesima giornata.

La 26ma giornata ha deciso l’avanzamento del Perth Glory, il quale ha vinto per 3-1 sul Brisbane Roar, e l’esclusione dei Wellington Phoenix, che trovano solo il pari a Sidney, in una partita comunque sia storica, che ha decretato l’uso della VAR (la moviola in campo) per assegnare il rigore con il quale il Sidney ha sbloccato la partita.

Le attenzioni del calcio australiano saranno tutte rivolte verso le ultime battute dell’A-League, dato che in Champions League non sembra esserci più storia per nessuno. Su nove partite disputate è giunta infatti una sola vittoria, quella del Western Sidney Wanders sul Seoul, per il resto solo delusioni da parte di Brisbane Roar e dall’Adelaide United.

CLASSIFICA

1. Sydney FC  26 19 6 1 53:12 63
2. Melbourne Victory 26 14 4 8 48:31 46
3. Melbourne City 26 11 6 9 45:39 39
4. Brisbane Roar 26 10 9 7 39:34 39
5. Perth Glory 26 9 9 8 48:49 36
6. WS Wanderers 26 8 11 7 33:33 35
7. Wellington Phoenix 26 8 6 12 38:42 30
8. Central Coast Mariners 26 6 5 15 31:51 23
9. Adelaide United 26 5 7 14 23:44 22
10. Newcastle Jets 26 5 7 14 28:51 22
Precedente League One, 4° turno: prove di fuga per Shenzhen e Dalian Yifang Successivo China League Two: al via la terza divisione del calcio cinese