J League: ricomincia la stagione giapponese, clamorose sconfitte per Kashima e Urawa

Nel weekend della SuperCoppa di Cina è cominciata anche la J League 2017, il campionato giapponese che ha presentato subito grandi sorprese nei risultati della prima giornata.

La stagione nipponica si è aperta con la vittoria del Kashima Antlers nella Supercoppa contro l’Urawa Red Diamonds per 3-2. Entrambe le compagini successivamente hanno esordito in AFC Champions League con convincenti vittorie, ma alla prima giornata di J League, giungono delle inaspettate sconfitte.

L’Urawa è tornato a Yokhoama, dove una settimana fa ha perso la SuperCoppa, per sprofondare nuovamente 3-2 contro i Marners agli ultimi minuti. La doppietta di Rafael Silva poneva l’Urawa in vantaggio per 1-2, ma agli ultimi minuti di gioco, Vieira e Maeda hanno sovvertito le sorti del match.
Pesante sconfitta anche per i campioni in carica del Kashima, che cadono in casa per 0-1 contro un Tokyo deciso a riscattare la stagione disastrosa dello scorso anno. Decide l’autogol del subentrato Misao all’86’.

Altri risultati sorprendenti sono il pareggio interno del Gamba Osaka contro il Kofu, con Konno che salva i padroni di casa al 90’. Il Gamba Osaka era reduce dalla trasferta australiana in Champions contro l’Adelaide United vinta per 3-0.
Pari casalingo per 1-1 anche per il Sanfrecce Hiroshima, campione di Giappone nel 2015. Ad ottenere il preziosissimo punto è l’Albirex Niigata, che ha giocato gli ultimi minuti della partita persino in inferiorità numerica.

L’unica fra le big ad aver conseguito un risultato vincente è il Kawasaki Frontale, che dopo aver pareggiato in Champions 1-1 contro il Suwon Bluewings, ottiene una vittoria in trasferta contro l’Omiya Ardija per 0-2 con reti di Kobayashi e Nakamura.

Parte molto male anche la stagione di Ficcadenti, con il suo Sagan Tosu che cade per 3-1 in casa contro il Khasiwa Reysol. La compagine dell’allallenatore italiano aveva chiuso il primo tempo in vantaggio con la rete di Harakawa, per poi crollare letteralmente nella ripresa.

Cosa cambia quest’anno

Rispetto alla scorsa stagione la J League è cambiata radicalmente:18 squadre e 34 giornate di campionato, senza più alcuna formula a playoff. Inoltre sono state modificate anche le regole sugli stranieri, con il passaggio al 4+1, nonostante tutto questa variazione non ha influito sul mercato delle giapponesi, dato che non è variata in alcun modo la strategia dei singoli club.

J League 2, l’immortale Miura

Nel weekend appena trascorso è partita anche la J League 2, con l’ex Genoa Miura, che a 50 anni è ancora in attività. L’imperatore è partito titolare con il suo Yokhoama FC per poi essere sostituito al 65’. E’ gunta comunque una vittoria per 1-0 contro il Yamaga grazie alla rete di Nomura

Precedente La Cina progetta 50 mila scuole calcio: la quantità è la soluzione al problema? Successivo ACL, East Zone: le manite di Shanghai Sipg e Urawa, clamoroso tonfo del Kashima in Thailandia