L’indie rock dei Chinese Football

Certe scoperte avvengono per puro caso. Stavo cercando un video su youtube sulla riforma del calcio cinese, digito “Chinese Football Reform” e all’improvviso, scorrendo la bacheca, mi ritrovo di fronte un’immagine che desta la mia curiosità. E’ un cartone in bianco e nero, con un ragazzo con un occhio solo che colpisce un pallone da calcio in mezza rovesciata. All’inizio penso che sia un fumetto sul calcio cinese, ma cliccando sul video scopro l’indie rock band Chinese Football, che nel 2015 ha lanciato il primo omonimo album.

Chinese Football

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Rimango piacevolmente stupito dalla loro musica, non capisco i loro testi, ma chiaramente i titoli rimandano inevitabilmente al calcio, come Game Start, Goalkeeper, Not veryone can wear the n.10 jersey, e soprattutto la mia preferita, Goodbye Milutinovic, il tecnico serbo che portò la Cina a qualificarsi alla fase finale del Mondiale nel 2002. Un brano avvolgente, che si apre con un riff melodico per poi alternare ritmi più frenetici, con la voce del cantante che irrompe solo nel finale.

La band si è formata nel 2011 e proviene da Wuhan, capitale della provincia centrale dell’Hubei, nella quale milita il Wuhan Zall, squadra della League One allenata da Ciro Ferrara.

Sono quattro i membri dei Chinese Football, il chitarrista e cantante, Xu Bo, Wang Bo alla seconda chitarra, Li Lixingal basso e Xiao Chao alla batteria. In un intervista rilasciata al sito Wash Up Emo hanno dichiarato di ispirarsi a band come Jimmy Eat The World, Cap n’jazz e gli Envy (il cantante nello specifico si addormenta con la band spagnola Yo la Tengo).

chinese football

Non si trovano molte informazioni in inglese sui Chinese Football, il cantante Xu Bo ha un trascorso nella power pop band Flipside, e anche gli altri componenti hanno trascorsi in altri gruppi, mentre al momento, rimane avvolto nel mistero il filo che li lega al calcio.

Il loro primo album si trova su youtube, e nella pagina facebook dei Chinese Football (clicca qui) è possibile trovare video sulla loro prima tournè, in concerti a Shenzhen, Guangzhou, Hangzhou e addirittura Hong Kong.

Per gli amanti del genere, il bassista e cantante Mike Kinsella dei già citati Cap’n Jazz, nel 1997 formò nell’Illinois gli American Football, che un anno più tardo avrebbero prodotto l’omonimo album. Gli American Football si sono sciolti nel 2000 per poi riunirsi due anni fa, con la Polyvinyl Records si sono riuniti, immettendo nuovamente sul mercato il loro unico album a cui si aggiungono nove tracce inedite.

Nella speranza di scoprire qualcosa in più sui Chinese Football, ecco qui il loro album d’esordio. Al minuto 46 Goodbye Milutinovic, brano del quale non posso fare a meno ogni mattino.

https://www.youtube.com/watch?v=tsR8QDP46xg

Precedente K-League: tutto riaperto dopo la penalizzazione al Jeonbuk, il Seoul segue a soli tre punti Successivo AFC, qual. Russia 2018 preview: la Cina affronta la gioventù siriana